Pagine

giovedì

Sardegna capitolo secondo Agriturismo Fratelli Muzzu



 Ed eccomi ritornata con un altro post sul #blogtoursardegna2014, oggi vi parlerò dell’esperienza all’Agriturismo Padru dei f.lli Muzzu, in questa bellissima giornata ho avuto modo di conoscere la splendida Maria Antonietta Mazzone, donna dalle mille risorse, una donna che appena siamo entrati in agriturismo ci ha dotati di grembiulino e messi subito all’opera, abbiamo cucinato e lavorato prodotti ed ingredienti della Gallura e conosciuto una cucina che per certi aspetti sembrerebbe povera negli ingredienti ma proprio come scrive nel suo libro la cara Maria Antonietta “una cucina che cambiano i luoghi, clima e usanze, ma a partire da quel luogo chiamato casa, con un piatto, forse povero degli ingredienti ma ricco di affetti e sentimento, ci fa sentire al centro dell’universo.” Da qui nasce il suo libro “Sapori della memoria”  un libro dove sono racchiuse ricette dal sapore antico una cucina che parte dalle origini, e che noi abbiamo avuto la fortuna di assaggiare e conoscere.
In questo giorno mille preparazioni sono state al centro della nostra attenzione, dai carciofi ripieni badesi vi metto subito la ricetta:
Ingredienti:
8 carciofi
40 g di pecorino
2 cucchiai di pangrattato
20 g di parmigiano
8 fette di peretta fresca
2 spicchi d’aglio
1 ciuffetto di prezzemolo
1 limone (succo§)
4 cucchiai di olio di oliva
Sale e pepe q.b.

Olio evo per ungere il tegame 

Eliminare dai carciofi le foglie più esterne e tagliare il gambo. Con l’aiuto di un cucchiaino, svuotare leggermente il centro del carciofo, facendo ruotare per eliminare l’eventuale peluria bianca all’interno. Immergere i carciofi in un catino con acqua e succo di limone. Triitare finemente aglio e prezzemolo e amalgamare con olio, pangrattato, pecorino, parmigiano, aggiustare di sale e pepe.
Riempire i carciofi con l’impasto (avendo cura di riempire non solo la parte centrale, ma allargando leggermente le foglie del resto del fiore) e disporli su un tegame con un fondo di olio e qualche cucchiaio di acqua. Appena l’acqua accenna a bollire coprire con un coperchio e proseguire la cottura, aggiungendo ai carciofi le fette sottili di peretta solo alla fine, pochi minuti prima di spegnere il fuoco.


Dalla preparazione dei carciofi siamo passati alla preparazione  delle IMPANADONE di Agnellino e patate, di una delizia assoluta,





           Dall’Impanadone alla zuppa di cavolo, altra bontà


                         

Dalla zuppa di cavolo alla preparazione del Porceddu
 Siamo entrate in questa cantina, l’odore di porceddu arrosto mi ha avvolto, questo signore era messo lì armato di tanta pazienza a cuocere questo porcellino che poi si è rilevato di una carne molto tenera e delicata, servito con delle bacche di  mirto e scorza d’arancia, davvero unico e speciale, dal sapore antico e tradizionale.
Ovviamente poi non poteva mancare la carrellata di dolci che abbiamo preparato sempre in compagnia della nostra Maria Antonietta dalle Seadas un dolce tipico.


 Tranquilli che di questo avrete la ricetta molto presto
Immediatamente dopo siamo passati alla preparazione delle Acciuliddi

Dalle Acciuleddi alle Arrubiolus , insomma davvero dei dolci semplici ma di un sapore unico.
Finito questa lavorazione siamo passati all’ARANZADA un dolce semplice con pochissimi ingredienti e dalla bontà assoluta, in pratica è il nostro torrone ma con qualche piccolissima variante che fa la differenza 
 In questo giorno così intenso ho conosciuto delle persone fantastiche, dalle quali ho imparato moltissimo, ho davvero toccato con le mani la tradizione gallurese e quindi di parte della Sardegna un tuffo nella loro cultura, ricca di storia, ma ricca anche di musica, siamo stati piacevolmente accolti dai TENORES del luogo
In Sardegna la musica tradizionale è al giorno d'oggi un'espressione assai viva connessa con gli scenari della vita comunitaria quotidiana e festiva. Non è soltanto folklore, la musica viene eseguita e soprattutto ascoltata da uomini e donne di ogni età, o estrazione sociale, è un momento di convivialità e condivisione dei valori della comunità. In questo modo viene garantita l’eredità dei repertori musicali, perché proprio questa musica serve per manifestare la loro identità e prolungare il più possibile la tradizione TENORES.

Insomma A DISTANZA DI UN mese esatto ho davvero nostalgia di questo magnifico viaggio, ma ho nostalgia soprattutto di quegli odori che mia hanno accolta in un abbraccio profondo ed intenso che solo i Sardi ti riescono a dare, un trasferimento di emozioni e sensazioni che mi hanno catapultato nella cucina quella vera, quella tradizionale, sensoriale, dove unico ingrediente speciale è l’amore che si trasmette per quei piatti dal sapore antico ed unico e che basta davvero poco per riprendere e proporre oggi come non mai, perché il vero senso della cucina sta nelle manipolazioni del cibo, nel toccarlo, averci a che fare capire e sentire la consistenza di un impasto piuttosto che di un dolce, e non sta nel dover per forza apparire e rendere un piatto esteticamente bello, anche un pezzo di PORCEDDU servito con delle foglie di mirto o l’ARUNZADA con delle foglie di arancio rende tutto irrimediabilmente più bello e ti riporta al vero senso della cucina.
A presto con un altro post indimenticabile dalla Sardegna


2 commenti:

Giulia! ha detto...

bellissime foto! :) complimenti
g
http://pizzafrittaapois.blogspot.it/

António Jesus Batalha ha detto...

Ao passar pela net encontrei seu blog, estive a ver e ler alguma postagens
é um bom blog, daqueles que gostamos de visitar, e ficar mais um pouco.
Tenho um blog, Peregrino E servo, se desejar fazer uma visita.
Ficarei radiante se desejar fazer parte dos meus amigos virtuais, saiba que sempre retribuo seguido
também o seu blog. Minhas saudações.
António Batalha.
http://peregrinoeservoantoniobatalha.blogspot.pt/
Peregrino E Servo.

Posta un commento

Leggo sempre con immenso piacere i vostri commenti, anzi mi rendono felice...esprimete senza problemi la vostra opinione...e se provate le mie ricette fatemi sapere se vi sono piaciute